Libri, Film e Musica

La Val Maira e l'Occitania raccontata da autori, registi e musicanti.

Film

la terra buona

LA TERRA BUONA
Regia di Emanuele Caruso, 2018

Film ambientato tra la Val Grande e la Valle Maira. Tre storie vere. Che nella realtà non si sono mai incontrate. Ma che si incontrano in questo film. Quella di Mastro, un ricercatore costretto a fuggire dall'Italia per le sue idee poco convenzionali, quella di Gea, una ragazza alle prese con una battaglia fra la vita e la morte e quella del monaco benedettino PADRE SERGIO, scomparso nel Settembre del 2014 all’età di 84 anni. Noto per aver passato oltre 40 anni della sua vita in un monastero da lui stesso ristrutturato a Marmora (CN) in alta Val Maira. Nel corso della sua vita, Padre Sergio ha fatto nascere una grande Biblioteca fatta di volumi oggi introvabili, alcuni anche del 1.500. Più di 70.000 libri, ammassati e incastonati, come in un labirinto, fra le stanze del fatiscente monastero di Marmora. Oggi la sua Biblioteca è fra le più alte d’Europa (oltre 1500 metri d'altezza) e rischia di andare perduta. E' stimata in oltre 2 milioni di Euro di valore.

una questione privata

UNA QUESTIONE PRIVATA
Regia di Paolo Taviani, Vittorio Taviani, 2017

Film che i fratelli Paolo e Vittorio Taviani hanno liberamente tratto dal celebre romanzo scritto da Bebbe Fenoglio e pubblicato postumo da Garzanti nel 1963. La Valle Maira torna a fare da palcoscenico: molte scene del film sono girate qui.
Come Ermanno Olmi in ...torneranno i prati, i Taviani raccontano il tempo di guerra rifiutando di concentrarsi sull'azione bellica e depurando la Storia di tutto ciò che è ridondante, per lasciare i protagonisti nudi di fronte alla desolazione e all'orrore. Come in Così ridevano di Gianni Amelio, la narrazione cinematografica di Una questione privata procede per episodi chiave, momenti e personaggi che incarnano la Storia e la condizione umana nella sua essenza. Il più folgorante è l'incontro di Milton con i genitori, scena muta di straziante intensità, riassunto senza parole del cordoglio di tante famiglie che hanno visto scomparire i propri figli inghiottiti dalla guerra, conservando a stento la speranza di rivederli vivi, anche per un solo, fugace istante.

'ultimo anno a elva

L'ULTIMO ANNO... A ELVA
Paolo Ansaldi e Carlo Cavallo,
2014 - € 15,00

Francesca quest’anno frequenterà l’ultimo anno della scuola primaria del comune di Elva, Francesca non ha compagni di scuola e le classi inferiori si sono esaurite negli anni, l’unica sua compagna è la maestra e l’unica allieva della maestra è Francesca.
L'anno prossimo la scuola chiuderà i battenti con l'ultimo esodo, quello di Francesca, la quale dovrà scendere in bassa valle a frequentare il collegio della scuola media di Stroppo. Un ultimo anno, quello di Francesca prima di inserirsi in una società contemporanea.
In quest'ultimo anno Francesca vive la sua quotidianità come se fosse l'ultima, non riesce ad immaginare un universo diverso da quello di Elva, la sua vita presto cambierà radicalmente ma non sa come. Giorno dopo giorno assapora e vive a fondo il reale che la circonda. Ricerca e vive il contatto con la madre attraverso la campagna e i suoi ritmi, osserva e ammira il padre nei suoi lavori, apprende e passeggia con il suo maestro di vita, Franco.
Franco diventa un perno centrale all'interno del racconto e rivelatore di realtà alpina. I codici linguistici del documentario assumono differenti valenze a seconda del contesto. Il film s’interroga su tale universo e risponde con un tempo dilatato, nel quale lo spettatore trova le risposte. I gesti sono essenziali, tutto è lasciato all’osservazione e al ritmo naturale. Elva come ultimo avamposto di vita montanara. Dopo Francesca? Alcune giovani coppie, negli ultimi anni, hanno deciso di vivere ad Elva con i loro figli, hanno aperto attività e si sono inseriti nella comunità. Per loro, ci sarà un futuro a Elva?

piazzati

PIAZZATI - Maimàas Fitàas
Giorgio Diritti,
2009 - € 15,99

L'affitto dei bambini era il contratto stipulato fra la famiglia d'origine e la famiglia ospitante, in occasione delle innumerevoli fiere che si svolgevano sull'arco alpino. Monsieur Fribourg, storico di Barcelonette, il centro più importante della Valleè de l'Ubaye, ci conduce attraverso il paese, indicando la piazza dove fino alla seconda guerra mondiale si teneva il mercato dei bambini che arrivavano dalle valli Stura e Maira in Piemonte. L'Ubaye, più prospero delle confinanti valli italiane, aveva bisogno di mano d'opera, soprattutto di pastorelli per la custodia estiva delle greggi e di piccoli mulattieri per gli animali da soma. La fiera si teneva per quattro sabati nel mese di maggio. Bambini e bambine stavano allineati al fondo della piazza, in attesa dell'indice sulla testa del nuovo padrone… “Affittare” i propri bambini era prima di tutto una questione di sopravvivenza, una sofferta decisione, peraltro molto diffusa in tutto l'arco alpino. Spesso i Piazzàti passavano un'infanzia non semplice, i maschi tra monti e pecore, le femmine come servette in case di benestanti; tutti ricompensati però da un pasto caldo al giorno che a casa propria non poteva essere sempre assicurato. Il documentario raccoglie le testimonianze di alcune persone delle valli occitane della provincia di Cuneo che da bambini hanno lavorato, piazzàti presso famiglie che li incaricavano di svariati lavori e li caricavano di responsabilità. I loro volti segnati dall'età e dalla fatica e le loro parole ci aprono una porta sulla loro infanzia. La malinconia della lontananza dai genitori vissuta da alcuni si contrappone alla forza e sicurezza di sé che quell'esperienza ha dato ad altri, in un film dove più che cercare risposte si pongono interrogativi; sul senso dell'infanzia, della famiglia, del gioco e delle difficoltà, oggi come ieri.

il vento fa il suo giro

IL VENTO FA IL SUO GIRO
Giorgio Diritti,
2004 - € 17,00

"Un film piccolo diventato un fenomeno nel panorama
cinematografico italiano" (La Repubblica)


Chersogno è un piccolo e tranquillo paesino nelle Alpi occitane. La sua sopravvivenza è legata ad alcune persone anziane e ad un po' di turismo estivo. L' arrivo di Philippe e della sua famiglia movimenta la vita del piccolo villaggio. Gli abitanti, dopo una generosa accoglienza, iniziano a mal tollerare la presenza del nuovo arrivato. Gelosia ed incomprensioni prendono il sopravvento e portano il paese a dividersi in due.


i libri salvati

I LIBRI SALVATI
Maurizio Fantoni Minnella,
2012 - € 15,00

Film documentario su Padre Sergio, monaco benedettino ottuagenario, che a Marmora ha raccolto e conservato nelle cantine della canonica, una biblioteca di 59.000 volumi. In un’epoca in cui si discute sul destino del libro fatto di carta colla e legatura, mentre cresce sempre più l’offerta del libro digitale, quello di padre Sergio potrebbe forse apparire agli occhi degli altri, come uno sforzo eroico o un gesto inutile e quindi anacronistico. Ma per padre Sergio quei libri sono stati e continuano ad essere la sua stessa vita.

trekking sui percorsi occitani

TREKKING SUI PERCORSI OCCITANI DELLA VALLE MAIRA
Artic Video Production, 2010 - € 20,00

Il "Trekking sui Percorsi Occitani della Valle Maira" rappresenta un'ottima opportunità per conoscere, attraverso 12 tappe, il territorio, l'arte, la cultura, le tradizioni e la natura incontaminata di una delle più belle e interessanti valli della provincia di Cuneo. Un immenso patrimonio fatto di vite vissute, di storie narrate, di antichi sentieri, mulattiere, strade percorse nei secoli da uomini e animali che oggi rivivono attraverso il "Trekking sui Percorsi Occitani della Valle Maira".
Il DVD è disponibile in italiano e tedesco.

la strada dei capelli

LA STRADA DEI CAPELLI
Fredo Valla, 2006 - € 12,00

Nel ricordo di chi ha visto direttamente oppure ha sentito raccontare rivive l'epoca di Elva capitale della lavorazione dei capelli umani. Un'attività nata per necessità di trovare sbocchi economici al di fuori di quanto offriva il paese che pian piano è diventata un'eccellenza artigianale, quasi un'industria, senz'altro un segno di prestigio in tutto il mondo da Parigi a Londra, agli Stati Uniti. Sullo sfondo la strada di casa che scorre via percorsa così tante volte da chi se ne andava altrove per necessità portandosi Elva nel cuore.

PIRÓT FIET D'EN BOT

PIRÓT FIET D'EN BOT - Bambini di ieri e di oggi in Valle Maira
Sandro Gastinelli, 2003

Piròt, ormai ottantenne, è nato e cresciuto a Ussolo, in alta valle Maira. L'ultima pluriclasse dell'alta valle lo invita a scuola, a Prazzo, per farsi raccontare qual'era la vita dei bambini di montagna ai suoi tempi. Piròt inizia così il suo racconto e i bambini, ascoltandolo, rivivono spaccati di vita d'un tempo. Un film di memoria e di evidente speranza, nato da una esperienza didattica della pluriclasse di Prazzo, nell'ambito di un progetto per la salvaguardia delle lingue minoritarie. Un progetto che ha coinvolto la gente dell'alta valle Maira che parla ancora "a nosto modo", il provenzale alpino, in uso in tutta la valle e insegnato tuttora a scuola.

ESTÓRIAS

ESTÓRIAS - Quattro vite raccontate in lingua occitana
Diego Anghilante, 2003

Temi universali come la religiosità, l'amore, la morte, il lavoro, la politica, il rapporto con gli altri e la natura vengono affrontati alla luce di un'occitanità che, pur non prescindendo dalla drammatica esplosione del vecchio mondo valligiano e dalla conseguente diaspora si pone come saggio e sereno punto di osservazione sull'esistenza. Il tutto amalgamato e armonizzato dalla lingua. Una lingua d'oc ricca e straordinariamente espressiva nella sua varietà.


Per l'utilizzo di testi, foto o per informazioni scrivete a info@invalmaira.it.